A voi, che odiate il calcio e i tifosi

“Le donne guidano male”, “i genovesi sono tirchi”, “L’Italia  =  pizza,   mafia   e   mandolino”   etc… Questi sono solo alcuni delle migliaia di stereotipi e cliché diffusi, che ancora oggi attribuiscono delle caratteristiche negative a un popolo, un sesso o una “razza” e li condannano a portare tale etichetta per l’eternità. In questo articolo mi occuperò di uno dei pregiudizi comuni, anche tra persone colte  e intelligenti: “il calcio lo seguono sono le persone ignoranti”. Non  l’idea  (odiosa)  dell’ignorante simpatico, sdoganato da certi fenomeni social, ma ignorante nel senso di troglodita, cafone, adatto a subumani,  indifferente alle cose importanti,d’altronde #cistalacrisileguerrelafameelemalattie.  Evidentemente, in una realtà come quella odierna, in cui le persone leggono sempre meno libri, i cinema chiudono perché privi di spettatori, le chiese la domenica sono vuote, il calcio resiste. E questo fa rosicare.

Negli ambienti di una certa “sinistra”, poi, la frase che spesso viene pronunciata, sin dai tempi dei nostri genitori, è: “voi pensate a 22 idioti che corrono appresso ad un pallone invece di pensare alla Rivoluzione”. E cosa ne poteva mai sapere di rivoluzioni Ernesto Che Guevara, che per due settimane allenò una squadra colombiana di campesinos e disperati e che fu orgoglioso di stringere la mano a Di Stéfano, non nascondendo mai il tifo per la squadra del Rosario Central? E cosa può saperne il subcomandante Marcos, che nel 2013 in un comunicato scriveva “yo le voy a los Jaguares de Chiapas, en México, y al Internazionale de Milán, en Italia” (eh sì, purtroppo il comandante è interista), e concludeva l’intervista con “sì, lo so cosa sta per dire, il calcio è l’oppio della povera gente, promuove alienazione, ignoranza e bla bla bla… tutte frasi fatte”?

Ma passiamo alla letteratura (quando non ti invitano a fare la rivoluzione, ti invitano  a leggere). Quanto era rozzo Eduardo Galeano, che nel tempo libero, quando non era impegnato a diventare uno degli scrittori più stimati in  America Latina, diceva: “el fútbol es la única religión que no tiene ateos”… E che il calcio fosse poesia e che risultasse  possibile  metterlo in versi lo pensava pure Alfonso Gatto, foto di Rivera appesa nello  studio,  che di  calcio  e sport  popolare (inteso  come schiettamente appartenente al popolo  e non solo   come   fenomeno noto) ha scritto continuamente, avendo tra l’altro composto versi sulla malinconia   del  campionato  quasi  agli  sgoccioli  (“I pomeriggi  si  fanno lunghi  /  l’aria  rabbrividita   dagli ultimi  freddi /  è già  luminosa  e trasparente dopo  le acquate di marzo / c’è una luce di dolce crepuscolo sul campionato”). Ancor meno ne sapeva Osvaldo Soriano, che ha praticamente scritto quasi solo di calcio: decine di racconti in cui il fútbol è protagonista, antagonista, sfondo, presenza, metafora, dolore,  amore. Tutte cose di secondaria importanza,  tanto da non poter dedicare 90 dei  nostri  minuti  settimanali  ai suddetti  idioti  in pantaloncini…  E potrei citare altri ignoranti subumani come  Pasolini,   Sartre,  Camus,  Salman  Rushdie   e Pratolini.  Peggiore di tutti, incapace perfino di portarsi a casa un Nobel è Jorge Luis Borges, che ebbe l’ardire di  affermare: “Ogni  volta  che un bambino  prende a calci qualcosa per la strada lì ricomincia  la storia del calcio”.

Tutti questi cafonotti di provincia avevano capito che il calcio è passione. Questo sport non è solo business e milioni, non è un terzo incomodo che ci distrae dai problemi reali: il calcio diverte, è  di  facile assimilazione, è poesia, è universale, lo capiscono tutti, senza caste e lingue. Ma le passioni non si possono spiegare e sono come la fede: o ce l’hai o non ce l’hai. E viene da sorridere a pensare a tutti quei moralizzatori che hanno la pretesa di spiegarci cosa conti e cosa no, quali passioni siano meritevoli di tempo e quali effimere. Sorrido, ma rispondo loro:  prendiamo volentieri in considerazione le vostre lezioni di vita, però dovreste smetterla di osservare noi stronzi che guardiamo 22 idioti in pantaloncini.

Avete la rivoluzione  da fare e la letteratura da leggere.

MARIO SALA

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...