Paradosso

 

Io equilibrista sul filo del volere altrui,

Piuma al vento delle vostre decisioni;

Voi fin troppo abili

Puntate l’arma sulle mie debolezze,

prendete la mira e colpite.

Io, insensibile al mio dolore,

curo i vostri graffi d’orgoglio,

sanguinanti ,

non per la loro profondità

bensì poiché coperti dal mio sangue.

Sangue che nasce dalla ferita

Che voi mi avete causato.

Io, ignara, continuo a mendicarvi i graffi.

Voi, insensibili al mio sangue,

giudicate con sdegno l’aiuto che vi offro.

 

ELEONORA PAPOTTO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...