BaZinga(retti)!

Il 3 marzo scorso 1.582.083 persone si sono recate a votare per eleggere il segretario del Partito Democratico. Si è votato in oltre settemila seggi, in Italia ed in tutti i continenti – tranne l’Antartide; i candidati erano Roberto Giachetti, Maurizio Martina e Nicola Zingaretti, “mozioni” per tre PD diversi:

  • Mozione Giachetti/Ascani (rappresentativa dell’area più renziana/liberale)
  • Mozione Martina/Richetti (trasversale/unitaria e – diciamolo – di establishment)
  • Mozione Zingaretti (rappresentativa dell’area più anti-renziana/socialista).

Ma cerchiamo di spiegare bene questo complicatissimo processo delle primarie, esso si divide in due fasi:

La prima fase detta “congressuale”, durante la quale si presenta un numero non definito di candidati: quest’anno – ad esempio – erano Francesco Boccia, Dario Corallo, Roberto Giachetti, Maurizio Martina, Maria Saladino e Nicola Zingaretti. In questa fase, gli iscritti sono chiamati a votare nei circoli e nelle sezioni per eleggere i primi tre candidati che poi passeranno alla seconda fase, la quale prevede un voto in più date in Italia e nelle sezioni all’estero. La prima fase si conclude con la riunione della Convenzione Nazionale, una specie di assemblea composta da x delegati per ogni provincia (numero che varia in base alla popolazione) e dai delegati delle sezioni estere eletti durante le votazioni; la Convenzione prende atto dei risultati e proclama ufficialmente i tre candidati alla segreteria che passeranno alla seconda fase. Si entra dunque nella seconda manche, in cui – come è successo il 3 marzo – tutti i cittadini italiani sono chiamati a votare per eleggere il segretario nazionale e i delegati di ogni provincia per l’Assemblea Nazionale (in pratica decide il “voto del pubblico”). Per essere eletto, un candidato deve prendere il 50+1% dei voti totali, altrimenti si dovrebbe ricorrere al voto assembleare e dunque tentare accordi tra due candidati o tra liste di delegati all’Assemblea. Questa fase, come tutto il percorso delle primarie, si è conclusa il 17 marzo con l’Assemblea Nazionale, che ha proclamato segretario del partito Nicola Zingaretti (sì, esatto, il fratello di Montalbano), ha eletto inoltre presidente Paolo Gentiloni e tesoriere Luigi Zanda.

Il problema di tutto questo è il fatto che il PD è un partito caratterizzato da un forte correntismo: è diviso, troppo diviso.

Ci sono i liberali, i socialisti, i renziani, quelli a cui piace Martina (che non si è capito bene dove si collocano) e la corrente degli “anti-correntisti” – c’è persino chi è così tanto anti-correntista da essere contrario alle primarie. Ma ora veniamo a Zinga: l’attuale segretario aprì la campagna per la segreteria all’insegna dell’unità. Da segretario il suo intento è quello di ricostruire il Partito Democratico e tutta la sinistra, tenendo conto di alcuni punti principali: priorità e attenzione alle persone, quindi maggiore centralità ed importanza alle politiche di redistribuzione del reddito, proprie di un partito che si dichiara di centro-sinistra; apertura ad alleanze con gli altri partiti di sinistra: come candidato alle regionali Zingaretti si alleò con Liberi e Uguali e ora cerca l’accordo per le europee con Articolo 1 di Roberto Speranza; ripresa dei valori dell’ambientalismo e promozione di un’economia green e circolare; importanza alle politiche per garantire i fondamentali diritti civili.

Possiamo quindi dire che Nick stia finalmente dando voce alla corrente socialista che nel partito è sempre stata una minoranza: tramite le sue idee, egli sembra stia mirando a ricostruire una sinistra compatta ed unita nel combattere le forze sovraniste che attualmente hanno preso il sopravvento. Il segretario però – dopo anni di lavoro come amministratore – potrebbe avere dei problemi ad essere segretario di un partito nazionale: ora, pertanto, non deve cercare di schierarsi il meno possibile per piacere a più persone, come spesso si fa da amministratore locale. Essere segretario del PD vuol dire dettare la linea politica, fare opposizione, schierarsi subito su determinate vicende e – anzi – scegliere un programma concreto da seguire fatto di progetti, idee, ma soprattutto mezzi, perché queste idee possano diventare realtà. Per ora, il programma del presidente è stato molto vago: gli elettori di sinistra aspettano delle proposte concrete per finalmente dar luce all’alternativa di cui questo Paese ha bisogno per andare avanti.

JACOPO AUGENTI

(immagine di Alessandro Iacovitti)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...