I campi di olivi

I campi di olivi si estendevano immensi

E lontanamente polverosi ai nostri sguardi,

come di un passato

catastrofico da noi mai

vissuto e forse mai avvenuto.

Riuscivo dal mio interno a sentire quel

Silenzio di logora consolazione

E vecchiaia

Chiaramente.

Il sottofondo distopicamente

Caldo ed estremamente

Calmo di quel luogo

Risuonava accompagnato da un canto

Sordo e melodico.

E mentre la luce

Si faceva radicalmente più forte

E la mancanza di

Rumore

Assordante ed assente

Si poteva percepire

Ogni frutto caduto a terra,

come in un cimitero.

C’era così tanta

Tristezza e così

Tanta pace e

Silenzio.

Sembrava di

Essere posizionati in

Un cerchio, un cerchio

Di linee

Senza barriere e senza

Nebbia, un cerchio dai

Lati smussati.

Una madre, una figlia, la morte e le olive.

Questa infinita solitudine

Mi guidava nel mio arrampicarmi

E sorridere

Sul ramo

Di un albero.

Un attimo prima

Della tempesta

Le foglie cadono dai

Rami secchi,

non vogliono vedere il sole.

SARA BUONOMINI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...